Il 6 Gennaio si è riunita in Assemblea la Fly Communications per tirare le somme su quanto finalizzato nell’anno 2015 appena trascorso e per presentare progetti ed eventi già in itinere o in programma per l’anno appena iniziato.

L’adunanza si è aperta con una eccezionale lezione-spettacolo di Cesare Catà su Michelangelo Buonarroti e i suoi capolavori. “E’ questo il messaggio che vogliamo lanciare.” – ha detto il Presidente della Fly Christian Mosca nel presentare il filosofo – “Regalare Cultura ai nostri Soci al posto dei soliti inutili gadget natalizi che puntualmente finiscono nel dimenticatoio. Le parole di Cesare invece rappresentano per tutti noi ricchezza e spunto di riflessione”.

Durante l’Assemblea, alla presenza di tutto il Direttivo, sono stati presentati tutti i risultati del 2015: un anno caratterizzato dal grande successo del musical “Hakuna Matata”, che ha registrato circa 3.000 spettatori ed è stato allestito anche nella magica cornice estiva di Piazza del Popolo di Ascoli Piceno. Accanto a questo da ricordare anche gli altri allestimenti: la commedia musicale in dialetto ascolano “Li nnummera a lu cundrarie” e il musical “Forza venite gente”, messo in scena in collaborazione con il Comune di Ascoli Piceno per celebrare l’ottocentesimo anno dal passaggio di San Francesco, protagonista della storia, nei territori ascolani. Comun denominatore di tutti i nostri lavori quella energia che viene sempre richiesta ai performer sul palco e quella sinergia che puntualmente creiamo con tante realtà locali. Da ricordare anche per il 2015 l’ormai solida collaborazione con la Scuola di Danza Lab 22 di Chiara Gricinella e con la compagnia “Gente nostra” e la nuova sfida portata a termine con successo con il Sestiere di Porta Romana che con i suoi sbandieratori e musici ha contribuito a rendere ancor più vivo il nostro ultimo musical. Il2016 si presenta molto interessante dal punto di vista della produzione dal momento che l’Associazione sta lavorando su un ambizioso progetto che coinvolgerà oltre 50 performer e 35 orchestrali per un musical in pieno Broadway-style per il quale grande sarà l’investimento anche in termini umani e di competenze. Certamente continuerà il rapporto con il coreografo internazionale Brian Bullard ormai stabilmente coreografo della compagnia ma tante saranno le collaborazioni che porteremo ancora avanti per la crescita comune.

Dal punto di vista della formazione molteplici sono state e saranno anche per il 2016 le opportunità che verranno date ai soci Fly: partendo dalla Scuola di Musical (per tutti i bimbi e ragazzi dai 3 ai 19 anni), passando per la vacanza studio “Fly to…” che l’anno scorso ci ha portati a Broadway e quest’anno ci vedrà protagonisti a Londra ed Edimburgo per finire poi con le collaborazioni e i laboratori che portiamo avanti da sempre nelle scuole: alle Primarie con il Progetto Teatro Bimbo e presso il Liceo Scientifico “A. Orsini” e l’I.T.I.S. “Mazzocchi” grazie ai quali ogni anno portiamo al Teatro Ventidio Basso moltissimi studenti coinvolgendoli nell’allestimento dell’opera musicale “Historock” di Romano Firmani.

Un’altra bellissima opportunità di crescita sarà rappresentata, la prossima estate, dal progetto “Fly SMS – Summer in Musical and Sport” lanciato con orgoglio dal Presidente che ha cosi presentato l’iniziativa a tutti i genitori presenti: “Un’esperienza magnifica per i piccoli, che rappresentano i nostri performer del futuro e che intendiamo formare al meglio per rendere i nostri musical sempre più belli. La vacanza studio SMS prevede una residenza di 15 giorni presso una struttura umbra, due settimane durante le quali oltre a far giocare e divertire i ragazzi cercheremo di lasciare loro il segno, alimentando quel fuoco che ci spinge a promuovere ogni giorno e in ogni luogo la Cultura dell’Uomo.”

Numerose cono state e saranno anche le occasioni di semplice aggregazione tra i giovani così da rendere questa affascinante realtà, che ormai coinvolge circa 500 persone ogni anno, un progetto culturale a 360 gradi. Tra queste basti ricordare l’organizzazione del capodanno e del carnevale, vere e proprie tradizioni associative che servono anche a creare unione in un gruppo già affiatato e che cammina da sempre con identità di vedute.

Dunque un anno, il 2015, trascorso tra mille progetti realizzati, tanti sorrisi, molte ore dedicate con passione al teatro e tanta umanità. Un 2016 che sarà senz’altro affrontato con altrettanto entusiasmo da tutti per finalizzare i tantissimi progetti di cui abbiamo accennato.

…STAY WITH US!!