Nata dalla vena creativa del Prof. Romano Firmani, l’opera storico-musicale “HISTOROCK” (il cui titolo è una crasi tra le parole inglesi “history” e “rock”) riassume in tre periodi storici spazialmente ben distinti ciò che invece possiamo racchiudere in un unico comun denominatore: la perenne ricerca della Libertà, la voglia sfrenata dell’uomo di andare oltre lo spazio e oltre il tempo.

La sigla iniziale, tratta dal famoso successo di Michael Jackson “Black or white”, è non a caso un grido di speranza, un messaggio di uguaglianza che si palesa non già con una retorica osservazione sulle razze quanto più sulla condivisione di ideali; primo tra tutti, lapalissianamente, la Libertà.

Dalla “Questione Irlandese” alla “cortina di ferro” e il discorso di J.F.Kennedy contro il comunismo, fino alla ricerca dell’infinito che, come moderni Anassimandro, cerchiamo di dominare con la conquista dello spazio.

L’opera si chiude con il pezzo da antologia “Heroes” di David Bowie. Il messaggio conclusivo è proprio racchiuso nel semplice titolo della canzone: quando lottiamo insieme per uno stesso ideale e quando questo è così nobile come la ricerca della nostra Libertà l’uomo si eleva dallo “status” di mortale assumendo la quintessenza di eroe. Un eroe moderno che molto ha in comune con gli eroi classici che per fortuna il nostro corso di studi ci ha “costretti” a conoscere e di cui abbiamo studiato le eclatanti gesta.

Artefici di questa nuova sfida targata Fly Communications sono 35 studenti del Liceo Scientifico “A.Orsini” di Ascoli che per la prima volta si cimentavano in un progetto simile.

Il musical ha debuttato presso il Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno il 20 Maggio 2012.

PROGRAMMA

SIGLA INIZIALE: “BLACK OR WHITE” DI MICHAEL JACKSON

1. THE IRISH PROBLEM

1.1 Lettura: dal 1601, Queen Elizabeth I al 1916, Dublino, rivolta del Lunedì di Pasqua.

1.2 Lettura: James Joyce

1.3 Presentazione del gruppo Cranberries: ZOMBIE (canzone)

1.4 Lettura: dal 1919, IRA al 1972, la strage di Londonderry.

1.5 Presentazione del gruppo U2: SUNDAY BLOODY SUNDAY (canzone)

1.6 Lettura: dal 1972, il governo Britannico assume il controllo diretto dell’ Irlanda del nord al 1994, firma del cessate il fuoco.

1.7 Presentazione del poeta Seamus Heaney

1.8 Recitazione della poesia ‘Casualty’

1.9 Presentazione della cantante Sinead O’Connor: NOTHING COMPARES TO YOU (canzone)

2. THE COLD WAR

2.1 Lettura delle principali date: dal 1945, la resa di Berlino al 1989, la caduta del muro.

2.2 Lettura dal 1945, la resa di Berlino al 1949, fine del blocco di Berlino.

2.3 Presentazione dei Police e Sting: RUSSIAN (canzone)

2.4 Presentazione di Sting.

2.5 Recitazione della poesia ‘Nothing Like the Sun’ di W. Shakespeare

2.6 Lettura: dal 1961, il muro viene costruito al 1963, la visita di J.F. Kennedy.

2.7 Presentazione di Gordon Sumner e Geoffrey Chaucer

2.8 A WHITER SHADE OF PALE (canzone)

2.9 Lettura: dal 1980, Regan e Thatcher al 1989, la caduta del muro.

2.10 Presentazione del gruppo The Scorpions: WIND OF CHANGE (canzone)

2.11 Recitazione di ‘When Demons Flee, Men Rejoice’, dialogo tra un giornalista e un ragazzo

2.12 Lettura: il concerto di R. Waters, Berlino 1990.

2.13 Balletto con la musica di ‘The Wall’ (Pink Floyd)

3. POWER TO DREAMS

3.1 Lettura: Jurij Alekseevic GAGARIN

3.2 Presentazione di David Bowie: SPACE ODDITY (canzone), STARMAN (canzone)

3.3 Lettura: Apollo 11

3.4 Presentazione di Reginald Kenneth Dwight: ROCKET MAN (canzone)

3.5 Recitazione della poesia ‘The Astronaut’ (D. Mungo traduzione di R. Firmani)

3.6 Presentazione del gruppo Police: WALKING ON THE MOON (canzone)

3.7 Presentazione del gruppo Train: DROPS OF JUPITER (canzone)

SIGLA FINALE: “HEROES” DI DAVID BOWIE